corso linux

linux

linux

http://www.inventati.org/ondacatanese

su facebook

L’Università italiana denigrata: critiche e pregiudizi

Un gruppo di ricercatori dell’Università degli Studi di Milano, coordinato dal prof. Marino Regini, ha realizzato una una ricerca comparata fra i sistemi universitari dei sei maggiori paesi dell’Europa occidentale (Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna e Olanda, oltre all’Italia) con lo scopo di verificare i dati su cui si fondano le critiche al sistema italiano. Pubblichiamo un estratto della ricerca disponibile anche sul sito dell‘Università di Milano.

Leggi qui l’articolo di Marino Regini e collaboratori.

Seminario Autogestito – 4 Maggio – Aula E

seminario

onda catanese marzo 09

l’ ultimo numero dell’onda catanese

seminari autogestiti

vedi il calendario

Siamo tornati!

SI sta alzando la marea. L’Onda studentesca si prepara a tornare in piazza dopo i bagni di folla dell’autunno scorso. Sono giorni di organizzazione, questi: assemblee, discussioni e poi la propaganda virale sul web, che fin dall’inizio ha contraddistinto il movimento contro i tagli del governo alla scuola e contro le leggi targate Gelmini. L’occasione per farsi sentire è lo sciopero indetto dalla Flc Cgil per il 18 marzo. Torino, Palermo, Roma. E poi Padova, Napoli, Milano, Genova. Gli universitari ci saranno, insieme ai ricercatori e lavoratori precari degli atenei. [continua…]

Research: is the only solution

Smaltire tonnellate di rifiuti solidi tossico – nocivi o utilizzare CDR (combustibile derivato da rifiuti) trasformandoli in energia elettrica a basso impatto ambientale. E’ quanto si propone di fare il progetto coordinato da Giovanni Bonizzoni dell’Istituto di fisica del plasma (Ifp) del Cnr di Milano, che ha sviluppato un impianto di termovalorizzazione capace di sfruttare la tecnologia della torcia al plasma. “Le torce al plasma sono state sviluppate inizialmente dalla Nasa per rispondere alle esigenze di ricerca e sviluppo di materiali in grado di resistere alle altissime temperature generate dall’attrito dell’aria durante le missioni spaziali“, spiega Bonizzoni. “In seguito hanno avuto numerosissime applicazioni industriali, nel settore metallurgico, meccanico e per lo smaltimento dei rifiuti“. L’impianto progettato dal ricercatore dell’Ifp-Cnr consente di distruggere rifiuti solidi organici recuperandone il contenuto energetico mediante l’utilizzo di torce al plasma e senza emissione nell’aria di gas tossici. Come illustra Bonizzoni: “L’applicazione della torcia al plasma sui rifiuti permette di produrre una zona di reazione a controllata presenza di ossigeno, dove la temperatura è compresa tra i 3.000 e i 4.000 °C. In tale area le molecole organiche si decompongono completamente, mentre i materiali inorganici vengono fusi senza che si inneschino quei processi combustivi che danno luogo alla formazione di composti tossici, reazione tipica degli usuali processi di combustione dei rifiuti. Il processo genera due soli prodotti: tutti gli elementi organici contenuti nei rifiuti solidi si trasformano in gas di sintesi a elevato potere calorifico che può essere, a questo punto, immesso in una turbina a gas e quindi utilizzato direttamente per la produzione di energia elettrica senza necessità di passaggio attraverso il ciclo caldaia-vapore-turbina“.

Continua Bonizzoni: “Mentre gli elementi inorganici vengono fusi e trasformati in una lava di tipo vulcanico nella quale sono conglobati e inertizzati i metalli pesanti e che, solidificata, è un ottimo materiale da costruzione, totalmente non tossico, in linea con le normative europee“. Il processo, oltre a essere ecologico, è anche economico: paragonato a un impianto di incenerimento di ultima generazione i costi di esercizio sono inferiori del 40%, mentre il rendimento energetico è superiore fino al 25%.
Continua a leggere